Torneo di Pesaro, 14 aprile 2019


Due parole sul torneo di Pesaro che abbiamo giocato domenica scorsa.
Innanzitutto grazie a Roberto Pompucci e Rhinos Fly per l’organizzazione, siamo stati benissimo e ci siamo divertiti.
Ci sono alcune cose che mi hanno colpito particolarmente:
– vorrei fare i complimenti a Giorgio Vagnini e ai Misano Pirates U14 e U15 che hanno giocato con noi, con una sensibilità ed una capacità di calarsi nel contesto non scontate in ragazzi così giovani.
– I volontari del Centro Socio Culturale Novecento sono stati di una gentilezza rara nell’accoglierci e nel prepararci il pranzo, che tra l’altro era ottimo. A fine pranzo ho preso due digestivi, la signora al bar mi dice: «Sono 4€».
E io «No, sono 5, 2.50€ l’uno».
E lei «Ve ne ho messo di meno, perché avete voluto il bicchiere piccolo, 4 vanno benissimo».
Cortesia d’altri tempi, che mi auguro possa tornare presto di moda anche in questi, di tempi.
– Mia figlia Sofia, 10 anni, che in campo dava indicazioni ai ragazzi: «Luca, tu che sei alto vai a saltare! Stefano, ha detto mio babbo che devi marcare quello, non lui!». Mi ha fatto ridere e condividere è bellissimo.
– Quanto al campo, il momento clou lo abbiamo vissuto nell’ultima partita. Si giocavano 4 quarti da 5′ senza fermare il cronometro: essendo in vantaggio e in controllo, decido di mandare in campo un quintetto di soli Special (il regolamento consentiva il 3 + 2 allenatori, ma noi avevamo giocato fin lì 4 + 1 allenatore).
Prima azione: superano la metà campo in tre passaggi, tre passaggi anche nella metà campo offensiva, canestro. Seconda e terza azione uguale, sempre canestro. 
Avevo dato due sole indicazioni, passatevi la palla e portatela dal centro senza chiudervi sui lati, il resto lo hanno fatto loro senza che né io, né Stefano, né Leonardo Tocco, fossimo in campo.
Hanno giocato meglio senza di noi, sono soddisfazioni grosse (non è consentita nei commenti ironia tipo «si vede che siete scarsi»…).
BUONA PASQUA A TUTTI!

Informazioni su mandu

Massimiliano Manduchi, 42 anni, laureato in Psicologia e allenatore federale, lavora come educatore presso la Cooperativa “Il Millepiedi” di Rimini dal 1998. Dal settembre 2000 si occupa di persone diversamente abili (psichiche) presso il Centro Diurno NOUS. Ha fondato gli Special Crabs nell'estate 2004. Nell'estate 2007 ha conseguito la qualifica di allenatore di base.

Pubblicato il 18 aprile 2019 su Post. Aggiungi ai preferiti il collegamento . Lascia un commento.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...